Roma è la città con più obelischi al mondo dopo l’Egitto, ve ne sono in tutto 13. Leggi qui di seguito la storia e gli aneddoti degli 8 obelischi più importanti di Roma.

Roma è la città con più obelischi al mondo dopo l’Egitto, ve ne sono in tutto 13. Ѐ proprio in seguito alla conquista del territorio egiziano da parte di Ottaviano che nasce l’immenso interesse per i culti appartenenti a questi popoli. Ognuno di questi obelischi ha una propria storia, la loro origine appartiene all’Egitto dove venivano eretti in onore del Dio Sole per ottenere la sua forza e in particolare per accentuare il legame diretto che c’era tra il faraone e il Dio. Per gli antichi romani questi obelischi simboleggiavano invece la grandezza dell’Impero e il suo grande potere, alcuni vennero addirittura fatti costruire dai romani stessi in Egitto, per poi essere trasportati a Roma.

OBELISCO LATERANENSE

Ѐ nella Piazza di San Giovanni in Laterano che si trova l’obelisco più alto e più grande della città e misura 32 metri, con il basamento raggiunge 45,70 metri; è realizzato in granito rosso e pesa 340 tonnellate. Ѐ un monumento che con la sua imponenza e la sua bellezza riassume la potenza del Faraone Tuhtmosis |||, ricco di iscrizioni egiziane questo obelisco è stato portato a Roma da Costanzo || nel 357. Nonostante la sua bellezza, esso fu abbattuto durante il medioevo poiché in questo periodo la popolazione di Roma percepiva negli obelischi la sede del male a causa del fatto che queste strutture non avevano mai dato segni di cedimento nonostante i terremoti, i saccheggi e la fine dell’Impero. Nel 1586 durante l’epoca Rinascimentale venne ritrovato sotto sette metri nel sottosuolo, e nella Roma in piena rinascita Sisto V ne commissionò il restauro e quindi la sua collocazione davanti la basilica.

OBELISCO FLAMINIO

L’obelisco che si erige in Piazza del Popolo venne costruito per volere di Ramses ||, proviene da Heliopolis ed è alto 25 metri e con il basamento arriva a 36,50 metri. Ѐ molto antico e risale infatti a più di 3000 anni fa. Venne trasportato a Roma da Augusto nel 30 a.C. e collocato al centro del Circo Massimo, un luogo di grande audience; venne poi spostato nella sua posizione attuale su ordine di Papa Sisto V e ad opera di Domenico Fontana nel 1589.

OBELISCO DI MONTECITORIO

Nella famosissima Piazza di Montecitorio - dove si trova il nostro hotel! - di fronte alla Camera dei Deputati svetta un obelisco un po’ particolare, è alto 21,79 metri con il basamento 33,97 e costruito in granito rosa. Proveniente da Heliopolis fu portato anch’esso a Roma da Augusto nel 10 a.C. ma aveva un’altra funzione poiché fungeva da asta (anche chiamata lo Gnomone) di una grande meridiana che Augusto aveva posto al centro del Campo Marzio, oggi Piazza San Lorenzo in Lucina. Purtroppo anche questo obelisco venne abbattuto in epoca medievale per poi essere ritrovato e innalzato da Papa Pio X| nel 1792.

OBELISCO ESQUILINO

Alto 14,75 metri, con il basamento 25,53 metri, e realizzato in granito rosa l’obelisco che si erige di fronte l’abside di Santa Maria Maggiore venne fatto innalzare dopo il suo ritrovamento da Papa Sisto V nel 1587. La sua provenienza non è chiara, poiché esso fu trovato in pezzi dove erano anche le rovine del Mausoleo di Augusto e con molta probabilità venne portato dall’Egitto durante il periodo Domiziano insieme all’obelisco con cui faceva coppia (obelisco del Quirinale).

OBELISCO DELLA MINERVA

Quest’obelisco che sorge in Piazza Santa Maria sopra Minerva, è una vera e propria composizione scultorea alla cui progettazione ha preso parte il grande Bernini. L’obelisco è infatti appoggiato sulla schiena di un piccolo elefantino, che vuole sintetizzare la forza di cui si ha bisogno per riuscire a sopportare il peso della saggezza, come si legge sulla iscrizione. Ma in realtà, nell’immaginario collettivo aveva un altro significato, ovvero stava ad indicare il peso delle critiche e delle pressioni a cui l’artista aveva dovuto far fronte durante quegli anni. Il monumento è realizzato in granito ed è alto 5,47 metri, con il basamento 12,89. Proviene da Sais, in Egitto e fu commissionato dal faraone Aprie e venne ritrovato nel 1665 vicino la stessa chiesa di Santa Maria sopra Minerva. La scultura sulla quale si posa l’obelisco venne ordinata da Papa Alessandro V|| Chigi.

OBELISCO DELLA ROTONDA

obelisco della Rotonda Roma

Realizzato con granito rosso, l’obelisco che si trova proprio davanti al Pantheon fu voluto da Ramses || e venne portato a Roma da Heliopolis, Egitto. Con un’altezza di 6,34 metri e con il basamento 14,52 metri esso venne rinvenuto nel 1300 e 74 anni dopo fu collocato a Piazza San Macuto. Nel 1575 Giacomo della porta realizzò una fontana di fronte al Pantheon sopra la quale successivamente nel 1711 su ordine di Papa Clemente X| venne collocato l’obelisco. Il Pantheon venne edificato da Agrippa tra il 27 e il 25 a.C., la piazza della Rotonda sulla quale si affaccia il tempio fu un mercato per diverso tempo.

OBELISCO VATICANO

In Piazza San Pietro, nella città del Vaticano si trova il secondo obelisco più alto di Roma che misura 25 metri, con il basamento 40 metri ed è realizzato in granito rosso. Portato dall’imperatore Caligola nel 37 d.C., era talmente grande che venne costruita una grande nave per poterlo trasportare, le sue dimensioni erano così grandi che Caligola la chiamò isola galleggiante. Una leggenda narra che la sfera posta in cima all’obelisco contenesse le ceneri di Cesare, ma naturalmente è solo una leggenda. Inoltre questo è un “falso originale”, poiché è evidente che sia privo di iscrizioni egizie, infatti è stato eretto dai Romani stessi in Egitto in un quartiere romano di una città. L’obelisco venne collocato nella sua posizione attuale nel 1586 per volere di Papa Sisto V.

OBELISCO AGONALE

obelisco piazza navona

L’obelisco agonale fa parte di una imponente composizione scultorea, che si trova in Piazza Navona, esso infatti è incastonato al centro della Fontana dei 4 fiumi come un diamante. Fu portato a Roma da Assuan, Egitto per volere di Domiziano, costruito in granito è alto 16,53 metri e con il basamento raggiunge i 30,17 metri. La sua prima collocazione fu probabilmente all’interno del tempio di Iside, nel Campo Marzio. Ѐ certo però che nel 311 venne spostato nel Circo Massenzio sulla Via Appia Antica. Il periodo del suo crollo è incerto, avvenne forse nell’età medievale; il recupero e quindi la sua attuale collocazione, che in epoca romana era lo stadio di Domiziano, fu voluta da Papa Innocenzo X nel 1651 e con esso venne realizzato il progetto del Bernini, ossia la già citata fontana dei 4 fiumi. Sull’obelisco vi sono I simboli che rappresentano Papa Innocenzo X e su tutti i 4 lati rappresentate delle figure maschili. Infine, in cima vi è una colomba, massimo simbolo del pontefice.


Back to Blog

Condizioni di prenotazione

Questo è il nostro sito ufficiale, migliore tariffa garantita.

Il nostro blog

Blog Hotel Nazionale