Fin dal dopoguerra, quando Roberto Rossellini girò “Roma città aperta” (1945), con una strepitosa Anna Magnani, Roma è stata scelta come set per centinaia di film sia italiani che stranieri.

Girando per le sue piazze più famose, ma anche per vicoli e angoli meno noti, si può avere un senso di deja-vù che ci fa ricordare una certa scena. Vogliamo qui di seguito dare alcuni spunti sui luoghi immortalati da alcuni dei film più famosi. Esistono anche tour tematici, per gli appassionati di cinema, noi abbiamo privilegiato i set più vicini al nostro hotel.

Nella famosissima Piazza Navona sono ambientati molti film, dagli anni '50 ad oggi.

Chi non si ricorda la celebre scena dello spogliarello di Sofia Loren davanti a Marcello Mastroianni, nel film “Ieri, oggi e domani” (1963) di Vittorio De Sica? La bella prostituta Mara, che abita appunto in un appartamento all'ultimo piano di piazza Navona, fa girare la testa sia a Mastroianni che al vicino di terrazza, un giovane che vuole farsi prete e che per lei rischia di rinunciare alla vocazione!

Fra l'altro la scena è stata riproposta nel 1994 da Robert Artman in "Prêt-à-Porter" con gli stessi attori ma un diverso epilogo (Mastroianni si addormenta).

Qualche anno prima (1956) un cult della commedia italiana, diretto da Dino Risi, aveva come protagonisti tre giovani ragazzi, “Poveri ma belli”, che vivevano in piazza Navona, quando ancora aveva una vocazione popolare, e uno dei 3 faceva il bagnino lungo il Tevere!

In tempi molto più recenti, la stessa piazza Navona è stata scelta per la prima scena de “Il talento di Mr. Ripley” (1999) di Anthony Mingella, nel quale Tom Ripley / Matt Damon, viene ingaggiato da un miliardario americano per riportare il figlio, interpretato da Jude Law, negli Stati Uniti. Fra una colazione in piazza di Spagna con Gwyneth Paltrow e un omicidio a palazzo Costaguti (piazza Mattei), il giovane attore recita il suo inganno in una Roma da cartolina.

Tornando indietro negli anni, ci sono 2 film che hanno reso immortale Roma nell'immaginario collettivo.

Il primo è “Vacanze romane” (1953) nel quale la principessa Audrey Hepburn e il giornalista Gregory Peck vivono una breve e intensa storia d'amore, sullo sfondo di una Roma bella come non mai. Se tutti ricordano la scena della Bocca della Verità davanti alla Chiesa di Santa Maria in Cosmedin, pochi forse sapranno che altre due scene clou sono state girate non lontane dal nostro hotel. L'ambasciata dove nel film risiede la principessa in visita ufficiale è infatti in piazza Barberini; mentre la scena finale, nella quale c'è l'addio fra la Hepburn e il suo amato fotoreporter insieme agli altri giornalisti, è ambientata nella Galleria degli Specchi di Palazzo Colonna, in piazza Santi Apostoli, poco distante dalla Fontana di Trevi.

Il secondo film è “La dolce vita” (1960) di Fellini, nel quale il giornalista Marcello (Mastroianni) vaga, spesso di notte, tra night club, grandi alberghi e strade deserte, talora accompagnato dal suo collega fotografo Paparazzo – grazie a questo film la parola paparazzo è diventata di uso comune in tutto il mondo! - e insieme all'attrice Anita Ekberg, che nella scena più famosa di tutto il film, decide di fare il bagno dentro la Fontana di Trevi.

Per avere un pari tributo alla Capitale bisogna aspettare il 2013 anno in cui esce nelle sale “La Grande Bellezza” di Sorrentino, vincitore del premio Oscar, con una serie di riprese in luoghi suggestivi: all'inizio il fontanone del Gianicolo (leggi qui il post sulle fontane di Roma), l'attico con vista sul Colosseo, il panoramico Giardino degli Aranci, il maestoso Parco degli acquedotti.

Il protagonista ci mostra gli interni di tutta una serie di palazzi storici, più o meno noti ai turisti: Palazzo Spada, Palazzo Sacchetti, Palazzo Barberini, Palazzo Altemps poco distante da Piazza Navona, che il regista non poteva non includere in una scena notturna del protagonista con Isabella Ferrari.

Credits foto www.artribune.com

Altri registi internazionali si sono cimentati recentemente con la bellezza di Roma: da Woody Allen in “To Rome with love” (2012) a Ron Howard con “Angeli e Demoni” (2009), fino al recente capitolo di 007 girato da Sam Mendes, ovvero “Spectre” (2015) con Daniel Craig alle prese con rocamboleschi inseguimenti fra il Colosseo, lungo il Tevere (nel vero senso della parola), San Pietro, e fra gli stretti vicoli intorno a piazza Navona.


Back to Blog

Condizioni di prenotazione

Questo è il nostro sito ufficiale, migliore tariffa garantita.

Il nostro blog

Blog Hotel Nazionale